Pablo Rodriguez y Noelia Hurtado

Presentiamo in questo post due ballerini davvero sensazionali. Partiamo subito in quarta con una milonga, ascoltando prima di tutto cosa pensa Noelia Hurtado del suo ballerino.

“Me gusta, como a Pablo, el tango de antes. No está mal que haya cambios en la música y en la danza siempre que se mantenga la esencia del tango tradicional.”

“Mi piace, come a Pablo, il tango di una volta. Non e’ sbagliato che ci siano cambiamenti nella musica e nella danza sempre che si rispetti l’essenza del tango tradizionale”.

La dote di saper variare il ritmo di un brano, e soprattutto di una milonga, riuscendo a creare un’ulteriore elemento di creatività, è quanto di più bello si possa trovare in un ballerino. Pablo e Noelia questa cosa riescono a farla con morbidezza e con una scelta perfetta dei tempi. Ed ecco di cosa stiamo parlando…

Milonga brava – Orquesta Francisco Canaro.

 

 

I pezzi tradizionali, chiamati da alcuni “le marcette” sono delle perle che vengono dal passato e mantengono inalterato il loro splendore, la loro ingenua gioia di vivere, la loro freschezza. Per questo motivo la tendenza attuale nelle milonghe di Buenos Aires, dove si crea la moda che poi si propaga per tutto il mondo del tango, è quella di ballare su questi brani. Anche i musicalizadores delle milonghe più giovanili, ad esempio La Viruta, o Villa Malcom, propongono un repertorio che arriva fino agli anni ‘40, consapevoli che la moda del tango nuevo basato su pezzi di sottilissimo spessore è durata quanto meritava. Le possibilità espressive di un pezzo tradizionale come Araca La Cana è resa alla perfezione da Pablo e Noelia.

 

Araca La Cana – Orquesta Fresedo, canta Roberto Ray

 

 

 

E per finire un video che dimostra che il tango è divertimento, allegria … e poi quando ci sono due ballerini del genere, diventa tutto uno spettacolo. Lei è sempre Noelia Hurtado e lui è Murat Erdemsel.

Lirio blanco – Orquesta Francisco Canaro, canta Ernesto Fama

 

 

Escuela de Tango, la scuola di Tango di Brescia

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] a scalare la classifica mondiale dei grandi ballerini (per chi fosse interessato, cliccando QUI potrà leggere il post che qualche anno fa abbiamo dedicato a loro). Poi qualcosa è successo e la […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *